giovedì 28 febbraio 2013

FAVOLE CON LA MORALE. OJI FUN E I TRE CUGINI



Chi tace acconsente , chi troppo vuole nulla stringe, Favole con morale, storie con morale, racconti con morale, 


C'era una volta, in un paese nel lontano Oriente, un vecchio saggio di nome Oji Fun




Viveva in una casa che era stata costruita nel dirupo della montagna più alta, che si poteva raggiungere solamente attraverso una vecchia funivia azionata da due vecchissimi somari a cui il vecchio saggio aveva dato un nome, li aveva chiamati Tira e Molla.
Tira era il somaro addetto a tirare la fune e neanche a dirlo Molla era il somaro che invece doveva controllare il rilascio di quest'ultima affinché la velocità della cabina fosse sempre costante.
Gli abitanti vedevano di rado Oji Fun scendere in paese, infatti era un tipo solitario, lo conoscevano però per la sua fama di saggio e per la caratteristica che lo distingueva dalla gente comune.... Oji Fun NON PARLAVA MAI .

Le dicerie sulla questione erano le più disparate:

c'è chi diceva che non avesse più la lingua perché gli era stata mozzata dall'ordine a cui apparteneva;

c'è chi invece andava blaterando, che siccome conosceva i segreti più oscuri dell'universo, gli Dei gli avevano tolto il dono della parola per impedirgli di metterne al corrente il mondo;

c'è chi invece raccontava che quella del saggio non era una maledizione ma soltanto una condizione dovuta all'immensa saggezza.

Un giorno Compare Serpo, il delinquente più astuto del paese decise di convocare in riunione i suoi due cugini delinquenti anch'essi.





I due cugini erano conosciuti in paese con il nome di Miky la Colt, perché aveva il grilletto facile e 






Frank il lisciato, perché aveva il vizio di pettinarsi l'unico ciuffo di capelli che aveva, nei momenti meno opportuni.
All'arrivo i due cugini vennero salutati da Serpo in modo molto caloroso,jh,  si sedettero a tavolino e ascoltarono per filo e per segno il piano diabolico di compare Serpo con il quale sarebbero ( a sentire lui) riusciti a sgraffignare il tesoro di Oji Fun nascosto nella sua casa. 


La sera stessa i tre furfanti indossarono la calzamaglia nera e, mimetizzandosi perfettamente nella notte, raggiunsero la funivia che portava alla casa del saggio.
Salirono in cabina e diedero una bella frustata al somaro Tira che incominciò a camminare azionando una ruota gigantesca intorno alla quale, piano piano, si arrotolava la fune che collegata alla cabina la faceva salire verso la montagna.

Una volta sulla cima, scesero e si avviarono verso la casa del saggio, bussarono e Oji Fun li fece entrare senza badare alla loro fama di malviventi.
Serpo non perse tempo e chiese al vecchio dove fosse il tesoro; egli senza nessuna paura li condusse nella cantina dove i tre cugini assistettero allo spettacolo più bello della loro vita, infatti, impilati nella stanza c'era una quantità spropositata di lingotti d'oro.

Serpo rivolgendosi a vecchio saggio disse sogghignando "Vedi Caro Fun  io adesso potrei rubare questo oro senza che tu  muova un solo dito, ma domani sarei sicuramente arrestato e messo in prigione perché accusato di furto; ma se invece io adesso ti chiedessi... Oji Fun posso prendere questi lingotti d'oro? Tu cosa mi risponderesti"
Il vecchio, come,  già sentenziato dal furfante, tacque e Serpo subito rispose " Bene, chi tace acconsente "e insieme ai cugini incominciò a portare l'oro nella cabina della funivia.
Quasi a metà dell'opera Frank il lisciato, dopo un abile colpo di pettine, disse " Serpo ma non sarà troppo pesante tutto questo oro per questa vecchia funivia?"
Serpo rispose " Stai zitto e lavora, sei già stanco, sfaticato rammollito che non sei altro e ringraziami che non ordino a Miky di farti assaggiare il piombo della sua colt."
I tre cugini continuarono a caricare l'oro fino a quando la cabina non fu piena zeppa. Ad un tratto Miky  la Colt disse " Serpo, ma con tutto quell'oro non c'è più posto per noi in cabina come faremo a scendere?"
Serpo disse " Ma voi due dove eravate quando hanno distribuito i cervelli...? Ci mettiamo sul tetto! e dove sennò?!"
I due cugini annuirono guardandosi negli occhi come per riconoscere la superba intelligenza del cugino Serpo e salirono sul tetto. 
Diedero una frustata al somaro Molla, che piano piano, incominciò a rilasciare la fune che teneva in bocca; Il somaro faticava come non gli era mai successo, il peso questa volta era eccessivo anche per un asino forte ed esperto come lui, inoltre gli anni si stavano facendo sentire; pensò che era arrivata la sua fine, sicuramente lui non avrebbe mollato la presa di sua spontanea volontà, non sarebbe stato la causa della morte dei tre cugini, anche se erano tre  furfanti, non sarebbe mai stato causa della loro morte, ma sentiva che sicuramente il peso eccessivo gli avrebbe strappato via la testa.

Non fu la testa di Molla a strapparsi ma la fune, eh sì, la vecchia fune logorata dalle intemperie dapprima si sfilacciò  per poi staccarsi di netto, facendo precipitare la cabina piena d'oro nel dirupo; ma non prima di dare il tempo a Miky la Colt di sparare gli ultimi colpi in aria, a Frank il lisciato di dare l'ultimo colpo di pettine e a compare Serpo di farsi l'ultima risata pensando che:

MORALE 
E vero che chi tace acconsente ma anche che chi troppo vuole nulla stringe!
  







                  Scritta da  











2 commenti:

  1. Sono tutti belli questi racconti ,alla fine Hanno sempre una morale che é sempre attuale ! Un saluto e buona domenica Bianca

    RispondiElimina
  2. hùa theo
    hung tàn
    hồ nước
    hàng đầu
    Bội Bạc
    đình hoãn
    thảo luận
    giới trẻ
    bao bọc
    nên
    phong cách
    mách nhỏ
    hiện nay
    thiết kế
    kế bên
    không tính
    cách
    không để ý
    xếp đặt
    do vậy
    bớt xén
    to kềnh
    bước ngoặt
    buôn bán
    khách hàng
    những
    chiếc
    căn bản
    khởi thủy
    nhu yếu
    kỹ càng
    gắp
    khó khăn
    cáu
    kiên cố
    chất liệu vải
    sản xuất
    mức giá
    chi tiết
    hàng hiệu
    tậu
    không thấm nước
    để ý
    chú ý
    chuyển động
    chuyên dụng cho
    ra đời
    với
    kỹ thuật
    công ty
    cộng
    địa chỉ
    cực kỳ
    cười
    cứu vớt
    nhiều
    rất nhiều
    tất cả
    đặc trưng
    dở hơi
    ham mê
    điệu bộ
    đập phá
    đau ốm
    thứ nhất
    đầy đủ
    tiết kiệm
    mang đến
    tới
    trẻ trung
    rời khỏi
    ưu thế
    khảo sát
    đồ vật
    đơn giản
    dừng
    sử dụng
    sử dụng
    êm ái
    nhái
    ràng buộc
    vừa rồi
    gan lì
    thân thiện
    gần gũi
    gần
    gặp
    cấp tốc
    nếu
    giải nghĩa
    giảm thiểu
    giảm
    kết hợp
    hết lòng
    tiên tiến
    tuyệt vời
    hơi
    kém cạnh
    tầm thường
    rốt cục
    kết quả
    mở màn
    luận điểm
    khái quát
    khi không
    lúc
    làm cho
    ko
    ưu đãi
    khiếu nại
    lang bạt

    lãnh đạo
    rét mướt
    lảo đảo
    lào xào
    thuận tiện
    lôi kéo
    to
    quỷ quyệt
    mô tả
    sắm
    nắm
    trình độ
    nặng nề
    nấu nướng

    kinh ngạc
    nhãn hàng
    thời gian nhanh
    bừa bãi
    nhộn nhịp
    nổi bật
    nổi tiếng
    oai phong
    ổn thỏa
    pha trộn
    thấp
    phẳng phiu
    trở thành
    nguyên tắc
    phù hợp
    PR
    qua quýt
    ưa chuộng
    rách rưới
    rậm rạp
    rẻ mạt
    rõ ràng
    rộng
    sạch sẽ
    sáng suốt
    sáng sủa
    thanh lịch
    sâu sắc
    sợ
    tái mét
    tai họa
    tài xế
    tật nguyền
    tang chứng
    phi cơ
    vô tư
    y sĩ
    thừa thãi
    tiếp tục
    Tuy vậy
    tối tăm
    ẩm ướt
    va chạm
    van nài
    vắng vẻ
    lặt vặt
    xa xăm
    lãng phí
    xâm lấn
    xanh rì
    xấu xí
    van nài
    xong xuôi
    xu thế
    dự định
    ỷ lại
    quần áo
    giống ý
    yên tĩnh
    yêu đương
    yếu đuối

    RispondiElimina